Processi e azioni di supporto

L’Organo di supporto del DDP è l’Ufficio di Staff.
Tale organo fornisce tutti gli elementi indispensabili allo svolgimento delle funzioni del Comitato ed è composto anche da un’Unità di Valutazione, Programmazione e Sviluppo, strutturalmente connessa alla direzione strategica ed esecutiva del Dipartimento.
L’UVPS svolge attività relative alle seguenti aree:
aaa

  • tecnica, amministrativo e gestionale;
  • informativa e valutativa.aaa

In tal modo il sistema di supporto produce costantemente informazioni utili alla programmazione dipartimentale.
I principali processi di supporto, con i relativi obiettivi possono essere schematizzati come nella seguente tabella.

aaa

Obiettivi dei principali processi di supportoaaa

Processi  

Obiettivi

Monitoraggio degli esiti, dei trattamenti e delle prestazioni (valutazione outcome e output)   Misurare output e outcome durante il contatto, aumentare le analisi dei dati storici
Raccolta e valutazione della domanda Misurare la domanda espressa, quella latente e l’andamento della domanda stessa
Valutazione e controllo della qualità  Aumentare il supporto al Coordinamento e la programmazione basata sull’evidenza
Formazione, ricerca, sviluppo  Aumentare la formazione comune, migliorare la professionalità e la collaborazione interprofessionale
Controllo di gestione   Correlazione dei costi e attività 

a

Le funzioni di supporto alle attività da svolgere sono in parte all’interno dei singoli processi rivolti all’utenza, in parte trasversali ad alcuni processi oppure attivabili a seconda di specifici progetti.
Le funzioni di supporto possono essere articolate:
a. a livello di ciascun DDP;
b. a livello interdipartimentale o Regionale.
aaa

Le funzioni di supporto dipartimentali sono: aaa

1. sistema informativo
2. osservatorio epidemiologico
3. controllo di gestione
4. accreditamento e autorizzazione
aaa

Sistema informativo
Il sistema informativo, integrato nel sistema informativo dell’ASUR (L.R. 13/03, art. 28, comma 3), supporta, per la sua area di pertinenza,  le seguenti funzioni:
aaa

  • rilevazione epidemiologica;
  • attività cliniche;
  • controllo di gestione.aaa

Opera raccogliendo analizzando ed elaborando sinteticamente o prospetticamente i dati di attività del Dipartimento e collabora al confronto interno/esterno promuovendo misure standardizzate.
Si avvale di procedure informatizzate e raccoglie i dati a livello individuale e di progetto. Invia ed alimenta la raccolta dati a livello del Dipartimento, dell’ASUR e Regionale al fine anche di far circolare esperienze ed informazioni.
aaa

Osservazione epidemiologica
Tale funzione del Dipartimento si connette con la Rete Epidemiologica Marchigiana (REM), con l’Osservatorio Regionale Politiche Sociali, e con gli Osservatori Sociali esistenti presso le Province.
Opera per analizzare la domanda espressa e inespressa e monitorizza l’andamento della diffusione del fenomeno nel territorio ed i fattori che influenzano tale diffusione.
E’ specialmente utilizzato per analizzare a livello dipartimentale la domanda del territorio e le sue caratteristiche e analizza “eventi sentinella” e modificazioni della popolazione target, anche sulla base delle indicazioni e segnalazioni sulle tendenze del fenomeno fornite dall’Assemblea del DDP.
aaa

Controllo di gestione
Supporta la decisione della direzione strategica del Dipartimento, elaborando i costi di processo e di esito e i volumi di attività.
L’aggregazione di questi dati contribuisce al controllo di gestione aziendale con cui interagisce.
aaa

Accreditamento e autorizzazione
Richiede, controlla e verifica la persistenza dei criteri Regionali e nazionali di autorizzazione  al funzionamento e di accreditamento delle U.O. del Dipartimento.

aLe funzioni di supporto interdipartimentali o Regionali sono:aaa

1. sperimentazione, ricerca e sviluppo
2. formazione e supervisione
3. valutazione e qualità
aaa

Sperimentazione, ricerca e sviluppo
In presenza di fenomeni particolari o su richiesta di agenzie interne o esterne o, infine, per sperimentare innovazioni terapeutico-assistenziali, la Regione, sentito il Comitato Interdipartimentale, può promuovere e sostenere sperimentazioni e ricerche presso uno o più Dipartimenti, secondo criteri definiti congiuntamente dalla Regione stessa, dall’ASUR e dall’ARS.
Tali attività sono finalizzate alla validazione ed allo sviluppo di buone pratiche, e ad implementare quindi il sistema dell’offerta.
aaa

Formazione e supervisione
La Regione, sentita la Consulta regionale sulle dipendenze patologiche, sulla base del fabbisogno informativo individuato, promuove e sostiene, anche finanziariamente, percorsi formativi integrati specifici per gli operatori del settore.
La Regione concorre inoltre alla spesa per la realizzazione di attività di supervisione presso ciascun DDP.
aaa

Valutazione e qualità
La valutazione viene considerata attività indispensabile a differenti livelli: come risorsa per operatori e strutture, come possibilità di misurare gli esiti delle azioni, come intervento sul processo, come valutazione propriamente qualitativa, come misurazione della percezione della soddisfazione degli utenti e dei professionisti impegnati.
aaa